Cerca nel sito

Homepage l'ostsiedlung i tedeschi nei paesi Baltici i tedeschi in Polonia
i tedeschi nell’impero Austriaco i tedeschi nell’impero Russo altri insediamenti tedeschi
bibliografia siti amici mappa del sito


la storia della Transilvania e dei Sassoni della Transilvania


la storia in sintesi

chi sono Sassoni della Transilvania

Geografia della Transilvania

la Transilvania preistorica

i Daci e i Romani

le migrazioni dei barbari

la nascita dell'Ungheria

la colonizzazione della Transilvania

i Cavalieri Teutonici nel Burzenland

i Sassoni nel medio evo

il Principato di Transilvania

provincia dell’Impero Asburgico

nel Regno di Romania

dal dopoguerra ad oggi


Le cittÓ dei Sassoni di Transilvania


Bistritz

Hermannstadt

Klausenburg

Kronstadt

Mediasch

MŘhlbach

Schńssburg


varie


le chiese fortificate

immagini e foto storiche

il castello di Bran


la storia e la leggenda di Dracula


Il giovane Vlad Dracula

Il regno di Vlad Dracula

la giustizia secondo Dracula

Le storie e gli aneddoti

Dracula e il vampiro

scrivimi



libro degli ospiti

© 2007-2012

 

sei in: i Germanici > i tedeschi nell’impero Austriaco > i Sassoni della Transilvania > le cittÓ dei Sassoni della Transilvania > Schńssburg


le cittÓ dei Sassoni della Transilvania
Schńssburg (rumeno Sighisoara, ungherese Segesvßr)

Una delle pi¨ affascinanti localitÓ medievali della Romania, vera cittÓ-museo, giace nascosta nella valle della TÓrnava Mare, nella Transilvania centrale. La cittÓ porta anche il nome rumeno di Sighisoara e quello magiaro di SegesvÓr.

La cittÓ ha origini sassoni; nel 12░ secolo, infatti, artigiani e mercanti sassoni vennero invitati dai Re d'Ungheria a trasferirsi in Transilvania, onde creare delle colonie che potessero anche provvedere alla difesa dei confini del regno. Questo gruppo di coloni, oggi noti come Sassoni di Transilvania, secondo le cronache del 17░ secolo, fondarono la cittÓ nel 1191.

Tuttavia i primi documenti che citano la cittÓ con il nome latino di “Castrum Sex” risalgono al 1280, mentre ricerche archeologiche e paleontologiche effettuate nella zona, hanno comunque evidenziato una presenza umana, anche se non continuativa, fin dall'etÓ del ferro.

Schńssburg mantiene un centro storico perfettamente conservato, con la struttura urbanistica e gli edifici caratteristici di una cittadella medievale, che Ŕ stato dichiarato Patrimonio dell'umanitÓ dall'UNESCO.

Tra gli edifici che formano il centro storico, di particolare interesse sono le case degli artigiani che, sotto il controllo di una fondazione e con l'apporto del Governo romeno, conservano ancora i laboratori ed i relativi attrezzi di lavoro.

Schńssburg resistette all'ondata tatara del 1241  mentre la cittÓ non era stata ancora fortificata. La cittadella alta, Ŕ la pi¨ bella e meglio conservata di tutta la Romania; risale in gran parte al 14░ secolo, quando la costruzione, affrettatamente eretta dopo le distruzioni tartare, fu ampliata e rafforzata.

La costruzione del muro di cinta, lungo 950 metri, inizi˛ nel 1350. L’altezza iniziale era di 4 metri, ma nel 15░ secolo fu innalzato di ulteriori 3-4 metri e dotata di 14 torri; si conservano nove delle quattordici torri originarie. Un sentiero permette di fare il giro completo della cittadella: partendo dalla torre dell'orologio, si incontrano case gotiche dai delicati colori e torri, tutte abitate, una delle quali ospita una piccola deliziosa scuola.

Nel 15░ secolo divenne cittÓ libera: per oltre due secoli fu governata dalle corporazioni che le diedero ricchezza e splendore. Per molti secoli la cittÓ ha avuto un ruolo strategico sia sul piano politico che su quello commerciale, divenendo una delle cittÓ pi¨ importanti della Transilvania. I suoi artigiani sassoni erano noti in tutta Europa e frequenti erano le visite di mercanti provenienti da tutto il Sacro Romano Impero, mentre gli abitanti continuavano a costruirne e rinforzarne le difese.

Visitandola la cittÓ si ha l'impressione di stare in un immersi nel passato antico. La cittadella, le chiese ortodosse, le case in stile bavarese e gli antichi negozi, tutti insieme anno fermato le lancette dell'orologio.


Vlad Tepes

Dal 1431 al 1435 visse in esilio nella cittÓ il Principe di Valacchia Vlad Dracul, padre del pi¨ famoso Vlad Tepes (l'Impalatore), il celeberrimo Dracula, leggendario nemico dei Turchi, che qui avrebbe avuto i natali. Vlad Dracul lasci˛ il primo documento nel quale la cittÓ viene citata con il nome romeno Sighisoara.

La maggior parte dei turisti visita Schńssburg per la leggenda legata al conte Vlad Tepes, alias il conte Dracula.  La cittÓ rende omaggio al suo "illustre" e sinistro concittadino in modo discreto con una statua nella cittadella, e una piccola area a lui dedicata nel museo delle armature.


la Torre dell'Orologio

L'edificio che rappresenta il simbolo della cittÓ Ŕ la Torre dell'Orologio, costruita tra il 13░ e 14░ secolo ed alta 40 m. Fino al 1556 fu sede del Consiglio della cittÓ; nel 1676 venne gravemente danneggiata da un incendio, ma fu poi ricostruita nelle stesse forme l'anno seguente. Nel 1891 il tetto fu ricoperto di tegole in ceramica policroma smaltata. Presenta un carillon di figure mobili, alte pi¨ di un metro e raffiguranti i giorni della settimana, che risale al 1648.


cimitero tedesco

Dal 1898 ospita un museo storico, disposto in otto sale, dove vengono custoditi interessanti pezzi che illustrano la storia della cittÓ.

Numerosi sono comunque gli edifici storici, tra cui la cosiddetta Chiesa sulla collina, che contiene una cripta ed interessanti affreschi, alla quale si giunge salendo una scalinata interamente coperta da un tetto di legno, ed il piccolo Museo delle armi, che accoglie una collezione di spade, frecce, armature ed altri equipaggiamenti militari medievali.

indietro                        avanti