Cerca nel sito

Homepage l'ostsiedlung i tedeschi nei paesi Baltici i tedeschi in Polonia
i tedeschi nell’impero Austriaco i tedeschi nell’impero Russo altri insediamenti tedeschi
bibliografia siti amici mappa del sito

La storia
degli Svevi del Danubio

la storia in sintesi

Chi erano gli Svevi del Danubio

le guerre tra l'Austria e la Turchia

il Principe Eugenio di Savoia

i programmi di insediamento

le aree di insediamento

il viaggio sul Danubio

le montagne centrali ungheresi

la Turchia Sveva ed il Batschka

il Banato e Satu Mare

gli italiani del Danubio

la vita nei villaggi

la "Magiarizzazione"

gli inizi del 20° secolo

la prima guerra mondiale

la seconda guerra mondiale

il dopo guerra

gli Svevi del Danubio oggi

 

scrivimi

libro degli ospiti

© 2007-2012

 

sei in: i Germanici > i tedeschi nell’impero Austriaco > gli Svevi del Danubio > il dopo guerra


il dopo guerra



Gli Svevi del Danubio in Ungheria

Nel 1945 i terreni di proprietÓ degli Svevi del Danubio furono sequestrati dal governo senza indennizzo e gli Svevi non "magiarizzati" vennero espulsi come traditori e costretti a "tornare" in Germania. Gli Svevi venivano considerati non magiarizzati se erano elencati come di nazionalitÓ tedesca o per la loro lingua madre durante l'ultimo censimento, o se il nome, magiarizzato in precedenza, fosse ritornato alla tedesca, o se avessero fatto parte delle Waffen-SS. Le espulsioni ebbero luogo nel 1946 con 170.000 tedeschi trasferiti nella zona americana della Germania Ovest e 50.000 nella Germania Est.


Gli Svevi del Danubio in Romania

Il Regno di Romania, giÓ alleato con la Germania, aderý agli Alleati il 23 agosto 1944 e tutti i tedeschi etnici in Romania furono considerati come potenziali nemici dello stato. L'avvicinarsi dell'Armata Rossa caus˛ una marea di rifugiati nella pi¨ sicura Germania di Hitler. Furono circa 100.000 che Svevi che lasciarono la Romania quando le truppe sovietiche iniziarono ad arrivare.


un campo di lavoro in Unione Sovietica

Da gennaio 1945, il paese era completamente sotto il controllo sovietico. All'inizio del 1945, sotto gli ordini di Stalin, molti Svevi del Banato furono espulsi e 75.000 furono deportati nei campi di lavoro in Unione Sovietica, dove migliaia di loro morirono. L'85% che sopravvisse alle difficili condizioni nei campi venne rilasciato entro il 1951. Circa la metÓ non fece ritorno in Romania, ma and˛ invece in Germania Ovest, in Germania Est o in Austria. Coloro che rimasero in Romania persero la cittadinanza rumena e le loro proprietÓ vennero confiscate senza alcun compenso.


costruzione della nuova casa nel Baragan

Nel 1951 oltre un migliaio di rumeni di lingua tedesca furono sfollati nella Steppa del Baragan, nel sud-est della Romania, dove fondarono nuovi villaggi. Quasi tutti gli sfollati furono poi autorizzati a tornare a casa nel 1955. Alcune famiglie Sveve, sia dal Banato rumeno che dal Banato jugoslavo, riuscirono a fuggire in Germania negli anni dell'immediato dopoguerra. Alcuni Svevi del Banato furono aiutati dal primo ministro francese Robert Schuman, che permise loro di stabilirsi in Francia come "Francais du Banat".

Nel 1960, tuttavia, l'atmosfera politica si rilass˛. La politica di privare e spossessare i collaboratori nazisti all'interno della minoranza di lingua tedesca finý. Ancora una volta tutti gli Svevi del Banato potevano godere dei pieni diritti della cittadinanza rumena. Fu in questo periodo che inizi˛ la partenza definitiva degli Svevi del Banato per la Germania.


Sassoni della Transilvania

Anche i "Sassoni della Transilvania" (altro gruppo etnico tedesco insediatosi in Transilvania nel 1300) presero decisioni simili. Anche se le famiglie di etnia tedesca avevano vissuto nella regione per una decina di generazioni e pi¨, e anche se la loro cultura si era sviluppata in modo diverso da quella in Germania, non avevano pi¨ fiducia nel governo comunista rumeno.


Nicolae Ceausescu

Nel 1965 in Romania salý al potere Nicolae Ceausescu. In un primo momento aprý il paese all'ovest, ma verso la fine degli anni 1970 divenne ultra-nazionalista ed un avversario di tutte le minoranze etniche. Sotto il suo governo, qualsiasi etnia tedesca che sceglieva di emigrare, doveva pagare una taglia di oltre un migliaio di marchi (a seconda dell'etÓ e istruzione), per il visto permanente di emigrazione. Tuttavia, migliaia di Svevi del Banato continuarono a migrare sino al 1980. La crisi economica dello stato comunista, cosý come una voce relativa ad un progetto di distruzione dei villaggi, spinse 200.000 Svevi a fuggire dalla Romania durante quel tempo.

Dopo la caduta di Ceausescu nel 1989 e della riunificazione tedesca nel 1990, quasi tutti gli altri Svevi del Banato in Romania, con entusiasmo migrarono per la Germania. Di conseguenza, la popolazione di etnia tedesca in Romania si ridusse notevolmente. Alcuni emigrati tornano, in genere imprenditori con ambizioni economiche sostenuti dalle sovvenzioni tedesche per progetti di sviluppo al di fuori della Germania.


Gli Svevi del Danubio in Jugoslavia


Svevi del Danubio in fuga

Mentre le truppe sovietiche invadevano la Jugoslavia, il 60% degli Svevi del Danubio lasci˛ il paese nei carri trainati da cavalli con le truppe tedesche in ritirata. Ma, mentre molti furono abbastanza fortunati per fuggire, il destino degli Svevi del Danubio che vivevano nel Banato e nel Backa fu meno fortunato. Grazie all'alta coscrizione dei maschi, erano rimasti nei villaggi soprattutto donne, bambini e anziani, e non vollero o poterono fuggire.

Dal 1941, l'occupazione tedesca aveva creato un alto livello di risentimento tra la popolazione prevalentemente serba e croata. L'esercito tedesco aveva ucciso migliaia di ostaggi jugoslavi come punizione per l’uccisione e il ferimento di soldati tedeschi durante l'occupazione. Il risultato fu che nel 1944 i tedeschi etnici vennero spogliati della cittadinanza e le loro proprietÓ furono confiscate.

Dopo l'invasione dell'Armata Rossa nel mese di ottobre 1944, coloro che erano rimasti furono dichiarati traditori a causa dei rapporti amichevoli intrattenuti con i soldati tedeschi che avevano occupato il loro paese durante la guerra. Le donne furono oggetto di indiscriminata violenza da parte dei soldati sovietici e di alcuni serbi vendicativi.

Dopo il Natale del 1944, circa 30.000 fra i pi¨ giovani, soprattutto donne, furono trasferiti nei campi di lavoro in Unione Sovietica, con treni scortati dai partigiani. Nei campi di lavoro ci furono migliaia di morti per la fame e le malattie, ma altre migliaia di Svevi riuscirono a fuggire in Germania.


una lapide commemorativa del campo di concentamento di Knicanin

Nel marzo 1945 i tedeschi che erano stati (o sospettati di essere stati) coinvolti con l'amministrazione militare dell'Asse erano rimasti in Jugoslavia furono ghettizzati nei campi di concentramento "provvisori" che erano stati costruiti nei villaggi, in seguito etichettati come "campi di sterminio" dai superstiti, e dove il tasso di mortalitÓ giunse fino al 50%. Il campo di concentramento pi¨ famoso era a Knicanin (ex Rudolfsgnad), dove si stimano 11.000-12.500 morti. La maggior parte dei bambini rimasti orfani in questi campi, vennero poi trasferiti in una casa statale per la cura delle famiglie, ma persero la loro identitÓ etnica.

Nel 1947, la situazione miglior˛, in quanto aiuti umanitari stranieri riuscirono a raggiungere i campi. Il sistema dei campi venne chiuso nel marzo 1948 ed i detenuti furono arruolati per il lavoro per l'esercito o per l'industria. La loro fuga veniva per lo pi¨ tollerata, e entro la fine del 1950, circa 300.000 Svevi gradualmente emigrarono verso i paesi occidentali.


il cartello avvisa che il campo Ŕ stato chiuso
e nel posto verranno costruite nuove case

Con la riforma agraria, le famiglie jugoslave, soprattutto immigrati provenienti dalla Bosnia, Lika e Montenegro, occuparono le case e le fattorie abbandonate dagli Svevi. I campi di concentramento provvisori che erano stati costruiti nei villaggi Svevi, furono definitivamente chiusi nel 1948 e, dal 1952 al 1955, i sopravvissuti vennero trasferiti in Germania dalla Croce Rossa Internazionale. Solo il 10% della popolazione tedesca pre-guerra rimase in Jugoslavia.

Secondo una ricerca condotta nel 1961 dallo storico tedesco Hans Ulrich Wehler, 7.200 tedeschi, furono fucilati dai partigiani, circa 2.000 deportati in Unione Sovietica, mentre altri 48.000 morirono nei campi di lavoro. Circa il 16,8% degli Svevi del Danubio morý durante e dopo la guerra in Jugoslavia.

indietro                        avanti